Bus precipitato a Ravello: 18 indagati per morte autista

0
46

Sono diciotto gli indagati per la morte di Nicola Fusco nell’incidente a Ravello

Sono diciotto gli indagati per la morte di Nicola Fusco il 28enne di Agerola precipitato nel vuoto lo scorso 8 maggio dalla strada provinciale 75, a Ravello. Quindici sono dirigenti, funzionari e tecnici della Provincia di Salerno, alcuni non piu’ in servizio o deceduti, impiegati nel settore viabilita’. Le ipotesi di reato sono concorso di cause, di cooperazione, di cooperazione di delitto colposo e di omicidio colposo. Indagati anche il padre di Nicola, Raffaele Fusco, titolare dell’ azienda di trasporto turistico, con una delle figlie, e il direttore tecnico della societa’ per presunta violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro.

Gli altri componenti della famiglia risultano come persone offese. Con le 17 persone fisiche e’ indagata anche la stessa ‘Societa’ Autoservizi Fusco Nicola & C.’. Il pubblico ministero Carlo Rinaldi, titolare delle indagini, ha conferito un incarico all’ ingegnere Alessandro Lima di Avellino per la perizia tecnica sulla condizione dello stato dei luoghi (asfalto e muretti), cosi’ da ricostruire la dinamica dell’ incidente.

Martedi’ prossimo sara’ eseguita anche la rimozione del Mercedes-Benz 404 da 41 posti che giace da undici giorni sulla strada pubblica di via valle del Dragone. Naturalmente anche le condizioni meccaniche e tecniche del bus immatricolato nel 1999 saranno valutate attentamente. Intanto, stamani sara’ eseguito l’ esame autoptico sulla salma di Nicola Fusco presso l’ obitorio dell’ ospedale Ruggi di Salerno. Nel pomeriggio potrebbe essere restituita ai familiari per i funerali che si svolgeranno ad Agerola. Agi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here